cistite persistente dopo antibiotico | Dimann
Benessere 24 Maggio 2023

Cistite persistente dopo antibiotico: perché succede e come comportarsi

Mia cara amica,

ti è mai capitato che i sintomi della tua cistite persistessero anche dopo il trattamento con gli antibiotici?

Se sì, non sei l’unica. Le infezioni delle vie urinarie (IVU) sono comuni e possono essere trattate efficacemente con antibiotici. Tuttavia, in alcuni casi, i sintomi possono persistere nonostante il trattamento, causando fastidi e sconforto alle pazienti.

Ci sono diverse ragioni per cui i sintomi delle IVU possono persistere nonostante il trattamento con antibiotici, e in questo articolo cercheremo di esaminarle nel dettaglio.

Infine, ti darò alcuni consigli per prevenire la cistite e alleviare i sintomi in modo naturale, senza l’uso di antibiotici.

Gli antibiotici non fanno effetto sulla tua cistite? Ecco come comportarsi

Perché i sintomi delle infezioni delle vie urinarie possono persistere anche dopo gli antibiotici

Che si tratti di cistite o, più generalmente, di un’infezione delle vie urinarie (IVU), gli antibiotici sono la prima linea di trattamento.

E non è strano che alcuni medici prescrivano un antibiotico senza eseguire prima un’urinocoltura. Questo perché quasi l’80% delle cistiti sono causate dall’Escherichia coli e una coltura delle urine confermerà probabilmente che si tratta del colpevole.

Purtroppo però, il trattamento antibiotico non sempre risponde come ci si aspetta.

Le ragioni principali per cui ciò può accadere sono tre:

  1. un ceppo batterico resistente agli antibiotici è la causa della cistite;
  2. un altro tipo di batterio, fungo o virus può essere la causa dell’infezione;
  3. può trattarsi di un’altra patologia che presenta sintomi simili a quelli delle IVU.

Ma andiamo con ordine.

#1 Resistenza agli antibiotici

Quando si ha una IVU resistente agli antibiotici, significa che i batteri che causano l’infezione non rispondono al trattamento antibiotico.

Questo accade quando i batteri si evolvono in risposta all’uso frequente o costante di antibiotici.

Le persone con condizioni mediche sottostanti o IVU croniche sono quelle più a rischio di resistenza agli antibiotici.

#2 Antibiotici sbagliati

Quando viene eseguito un esame delle urine senza un’ulteriore urinocoltura, c’è il rischio che l’antibiotico prescritto per l’infezione non sia quello giusto.

Questo può accadere quando l’IVU è causata da un ceppo batterico meno comune, o anche da un fungo o da un virus.

#3 Diagnosi errata

In alcuni casi, le IVU non rispondono agli antibiotici perché, banalmente, non sono affatto delle IVU.

Invece, un’altra condizione sottostante potrebbe causare sintomi simili a quelli di queste infezioni, come ad esempio:

  • cistite acuta;
  • cistite interstiziale;
  • vescica iperattiva;
  • infezione renale;
  • calcoli renali;
  • vaginite;
  • clamidia;
  • gonorrea;
  • tricomoniasi;
  • herpes genitale;
  • cancro alla vescica;
  • cancro alla prostata.

Sia la cistite che l’infezione renale possono essere causate da batteri provenienti da una IVU che si sono diffusi alla vescica o ai reni.

Come le IVU, questi tipi di infezioni sono spesso trattati con un ciclo di antibiotici. Tuttavia, alcune delle potenziali cause di fallimento degli antibiotici per le IVU si applicano anche a queste infezioni.

Cosa fare se l’infezione si ripresenta subito dopo gli antibiotici?

Come ti ho anticipato poco fa, le IVU che non rispondono agli antibiotici richiederanno probabilmente un’urinocoltura per determinare quali sono i batteri che causano l’infezione.

Se si scopre che la causa delle IVU è un altro tipo di batterio, fungo o virus, il medico consiglierà un trattamento alternativo.

Inoltre, modifiche allo stile di vita, come smettere di fumare o consumare meno alcol, possono ridurre la frequenza e la gravità delle IVU.

Ma vediamo di approfondire.

Ecco dunque alcuni consigli da seguire nel caso in cui l’infezione  si ripresenti subito dopo l’assunzione di antibiotici.

Praticare una buona igiene intima 🫧

Una buona igiene dopo la minzione e i movimenti intestinali può aiutare a prevenire l’ingresso di batteri nelle vie urinarie.

Tra le raccomandazioni igieniche, ti elenco quelle più importanti:

  • non trattenere troppo a lungo la pipì quando si sente il bisogno o lo stimolo di urinare;
  • dopo un movimento intestinale, pulirsi sempre da davanti e dietro (e MAI viceversa);
  • fare pipì dopo un rapporto sessuale (solo se ne senti davvero lo stimolo).

Rimanere ben idratati 💦

Ricorda di bere molta acqua e urinare regolarmente. Questo può aiutare a eliminare i batteri nocivi presenti nell’organismo.

Le ricerche dimostrano che l’aumento dell’assunzione giornaliera di acqua può ridurre il rischio di IVU ricorrenti.

Fare la doccia invece del bagno 🛀🏻

I batteri crescono più rapidamente nell’acqua calda e tiepida, motivo per cui molti medici consigliano di evitare vasche e bagni caldi e di fare invece la doccia.

Inoltre, il sapone presente in molti bagnoschiuma può irritare il tratto urinario: ecco perché io consiglio sempre l’utilizzo di detergenti delicati, come il nostro Dimann Soft.

Evitare prodotti profumati o irritanti e abiti troppo aderenti 👖

Il profumo può piacere, ma gli assorbenti, i tamponi, i bagnoschiuma, la carta igienica, i deodoranti e i detergenti per il bucato profumati possono alterare l’equilibrio dei batteri nella vagina, causando irritazioni o infezioni.

Cerca di prestare attenzione ai prodotti e ai capi che usi, controllando che siano fatti di materiali traspiranti e non aggressivi. 🙏🏻

Come trattare la cistite senza ricorrere agli antibiotici?

Hai mai sentito parlare del D-mannosio?

È uno zucchero naturale che impedisce l’adesione dei batteri, – come l’Escherichia coli (E.coli), principale causa delle infezioni delle vie urinarie – all’epitelio delle vie urinarie, impedendo il contatto tra il microrganismo e l’epitelio urinario e il conseguente sviluppo di patologie come la cistite.

Lo ha dimostrato uno studio pubblicato il 5 marzo 2022 sulla rivista scientifica Nutrition Journal, che sottolinea anche la sicurezza del D-mannosio, nonché l’urgenza di trovare un trattamento alternativo per patologie ricorrenti dovute alla resistenza agli antibiotici.

Lo stesso studio sottolinea che il D-mannosio di solito mostra un rapido miglioramento dei sintomi della cistite grazie al suo elevato assorbimento, entro 24 ore dalla prima dose, ma è consigliabile proseguire con l’intero ciclo di trattamento.

Vuoi saperne di più? Per qualsiasi domanda, puoi sempre scrivermi, sarei felice di aiutarti! 🥰

In questo articolo abbiamo parlato di…

  • L’antibiotico prescritto per l’infezione potrebbe non essere quello giusto, soprattutto se non viene eseguita un’ulteriore urinocoltura per identificare l’agente patogeno.
  • La resistenza agli antibiotici da parte dei batteri che causano l’infezione è un’ulteriore ragione per cui l’antibiotico prescritto potrebbe non funzionare.
  • In alcuni casi, i sintomi persistenti di infezioni delle vie urinarie potrebbero non essere dovuti a una IVU, ma ad altre patologie che presentano sintomi simili.
  • Per prevenire le infezioni delle vie urinarie, è importante praticare una buona igiene intima, bere molta acqua, fare la doccia invece del bagno e prestare attenzione ai prodotti e ai capi usati.
  • Il D-mannosio è uno zucchero naturale che può essere utilizzato per prevenire e trattare la cistite, poiché impedisce l’adesione dei batteri alle vie urinarie.

FAQ sulla resistenza delle infezioni ai farmaci


Quali sono le principali ragioni per cui una IVU potrebbe non rispondere al trattamento antibiotico?
Ci sono tre ragioni principali per cui una IVU potrebbe non rispondere al trattamento antibiotico: resistenza agli antibiotici del batterio causante l’infezione, utilizzo di antibiotici sbagliati per trattare l’infezione, o una diagnosi errata.

Cosa si può fare se l’infezione delle vie urinarie si ripresenta subito dopo gli antibiotici?
Se l’infezione delle vie urinarie si ripresenta subito dopo gli antibiotici, è possibile eseguire un’urinocoltura per determinare la causa dell’infezione. Inoltre, bere molta acqua, mangiare frutta e verdura, e consumare probiotici sono azioni che possono aiutare a prevenire le infezioni delle vie urinarie.

Esistono soluzioni alternative per il trattamento della cistite oltre agli antibiotici?
Sì, una soluzione alternativa per il trattamento della cistite è l’utilizzo del D-mannosio, uno zucchero naturale che impedisce l’adesione dei batteri alle vie urinarie. Uno studio ha dimostrato che il D-mannosio può migliorare i sintomi della cistite entro 24 ore dalla prima dose, ma è consigliabile proseguire con l’intero ciclo di trattamento.

Ti siamo stati utili?

Quanto conta per Te trovare una soluzione di fiducia contro la cistite?
Trova la TUA soluzione compilando il nostro Test
Scopri la tua soluzione di fiducia contro la cistite